Bagno di Bosco

C’è una forza che viene dall’Eternità, ed è verde (Ildegarda da Bingen 1098-1179)

BAGNO DI FORESTA: TORNARE A CASA A PASSI LENTI

C’è un bosco dentro ognuno di noi, ed è quel luogo profondo in cui conserviamo la nostra integrità. E’ il luogo dove “siamo “albero”, dove le nostre radici creano connessione, garantiscono appartenenza e nutrimento, ci danno stabilità e “reggono” il nostro slancio verso la vita. Frequentare il bosco fuori di noi, fortifica la nostra connessione al nostro “bosco-anima”. Ci riporta lì, ci dà forza e potenza, pulizia, benessere.

L’esperienza di Bagno di Foresta che offro può essere individuale o condivisa in gruppo, occasionale o parte di un percorso di crescita intima e spirituale. Ho sentito di voler completare l’immersione sensoriale in natura, tipica del ForestBathing, con quelle sfumature che fanno parte della mia relazione con il mondo vegetale, aggiungendo altrecompetenze acquisite in questi oltre trentacinque anni di ricerca.

Parto dall’esperienza sensoriale per aprire le porte ad altri possibili momenti di crescita interiore nei quali la natura ci fa da specchio, ci restituisce, con grande delicatezza, quell’immagine di noi che talora facciamo fatica a vedere, ci guida in un percorso che, portandoci a casa,ci rende integri, cura disagi profondi e ricompone fratture antiche.

I cicli della natura, la mutazione degli stati e delle forme, i suoni e i colori, sono aspetti del mondo naturale che ci parlano di noi inserendoci all’interno di un contesto più ampio, nel quale possiamo finalmente sentirci a casa.

RITROVAMENTI, RICOMPOSIZIONI, RIVELAZIONI

Quel riverbero mistico che si sprigiona in un’emozione di gioia e di pienezza è uno stato inevitabile per chi frequenta l’ambiente naturale.

E’ quella sensazione di comprendere senza capire, di intuire significati respirandoli, assorbendoli con gli occhi, sentendoli scendere dentro di noi e “sistemarsi” nel posto giusto, come qualcosa, che con grande spontaneità, si ricompone. C’è un linguaggio archetipico con il quale la natura ci parla, un linguaggio che va oltre i significati e diviene “medicina”, cura, oserei dire rivelazione.

I SAGGI DEI POPOLI NATIVI DICONO:

“QUELLO CHE FAI ALLA TERRA LO FAI A TE STESSO”


La nostra storia recente ci parla di un progressivo distanziamento dal mondo naturale, di un disconoscimento della nostra identità di esseri di natura, purtroppo anche di un abuso del mondo naturale e di un sopruso delle sue risorse.

Ed è vero che il progressivo innalzamento dei nostri livelli di disagio, va di pari passo con la distruzione del nostro ambiente naturale. Non ce ne rendiamo conto, in parte perché succede “lontano da noi”, in parte perché, anche se succede vicino, abbiamo perso la capacità di sentire, di percepire emotivamente questa perdita, come qualcosa che ci riguarda.

SHINRIN-YOKU: Origine del Bagno di Foresta

Il Bagno di Foresta, conosciuto con il nome di Forest Bathing nel mondo occidentale, è una disciplina del benessere che si origina dallo Shinrin-Yoku, nato negli anni ottanta in Giappone, con l’intento di costruire un percorso capace di curare in modo naturale gli effetti devastanti del “tecnostress” sulla popolazione.

Ispirandosi alla filosofia tradizionale espressa dal Buddhismo Zen giapponese è stato disegnato un percorso che permettesse agli utenti di fare un’esperienza di saturazione sensoriale capace di produrre relax e di acquietare la voracità della mente, ristabilendo una connessione con la natura. Lo studio scientifico di questa disciplina ha certificato che la sua pratica innalza la nostra risposta immunitaria, abbassa i livelli di stress e produce in noi un benessere psico-fisico indiscusso.